Il tasto “dolente”: crearsi un budget

A seconda del tipo di evento che vorrete creare avrete bisogno di più o meno denaro per affittare un locale dove tenerlo, per microfoni e impianti audio se necessari, per pagare il personale e/o l’artista che ospiterete… Ci rendiamo conto di essere generici, ma vogliamo che questa breve guida sia la più inclusiva possibile!

Vogliamo tranquillizzarvi: se i post-it con la descrizione di quello che volete creare, insieme a quelli sulla logistica, sono stati fatti in maniera efficace, vedrete che necessità e obiettivi vi saranno chiarissimi fin dai primi giorni. Se così non fosse, tornate indietro e aggiungete voci alla vostra parete!

Chi investe negli eventi

A seconda del luogo dove vivete, potreste essere circondati da organizzatori di eventi: indagate sui player del settore e, se le circostanze lo permettono, proponete di creare quello che avete immaginato con loro. È già un primo passo per vedere realizzata la vostra idea.

Se però avete il timore che questa possa esservi “rubata” o che sia snaturata dalla collaborazione con un’altra realtà, la vostra successiva fase di ricerca è per chi possa finanziarvi: di volta in volta potrebbero essere banche, il vostro comune di residenza, associazioni senza scopo di lucro, negozi o brand più grandi. Quando si tratta di enti pubblici si parla di patrocini; quando di realtà private di sponsorizzazioni. In entrambi i casi dovrete dare qualcosa in cambio del denaro: visibilità sui manifesti, banner pubblicitari su siti o nella sede dell’evento… Questo tipo di dettagli si definiscono quando ci si accorda, cosa che dovrebbe essere sempre messa per iscritto.

Alcuni istituti di credito offrono somme di denaro a fondo perduto, così come istituzioni pubbliche come l’Unione Europea, che tende a disporre di denaro investibile se a organizzare l’evento è una donna, una persona con disabilità, o altre persone appartenenti a una minoranza. Per questo motivo vi invitiamo a fare una ricerca approfondita di bandi e concorsi che possano fare al caso vostro. Troverete anche le istruzioni per poter partecipare.

Il crowdfunding conviene?

Una ulteriore possibilità è data dai siti di crowdfunding, sempre più utilizzati anche in Italia: vi consigliamo di studiare con attenzione le differenze perché non esiste una piattaforma che vada bene indifferentemente per tutti i progetti culturali e di intrattenimento.

Per gli eventi no-profit una buona scelta è GoFundMe, ma se intendete guadagnare dall’appuntamento che organizzerete ci sono fattori da considerare per cui potreste trovarvi meglio su un altro sito con una differente impostazione.

By rachele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *