TU, MIO di Erri De Luca

TU, MIO dal romanzo di Erri De Luca
Con Nico Ciliberti e Giacinto Piracci
Adattamento e Regia: Annamaria Russo

Una storia d’amore straniante, sullo sfondo dell’isola d’Ischia. Il mare, la musica, le voci dei pescatori e quelle più lontane di una guerra finita da poco: l’affresco di un’ epoca e di un’

età difficili.

Quando meno te lo aspetti. Un odore, un riverbero di luce, due occhi. E’ un pugno dritto alla bocca dello stomaco. Da lasciarti senza fiato. Quando i conti con la vita credevi di averli saldati tutti. Accade. Un odore, un riverbero di luce, due occhi. Identici. Sembra una beffa del destino. Ma la pellicola della memoria ricomincia a scorrere. E graffia l’anima. Di nuovo.Come allora. Ci sono occhi che ti restano dentro. Inesorabili. Per sempre. Poi un giorno li ritrovi. Magari su un altro volto. Magari in un’altra vita. Ti ci smarrisci dentro come allora. E ricomincia il viaggio verso un nuovo addio.

Tu mio è una corsa a perdifiato verso la fine di un amore senza fine. E’dolore stretto dentro i pugni di una vita che non lascia alternative. E’ la voglia di riscrivere una storia con l’incoscienza della giovinezza. E’ il desiderio disperato di riscattare la morte con l’amore.Tu mio è una storia d’amore struggente. E’ il suono della risacca, l’odore del mare, il cuore che batte in gola. E’ l’emozione di un bacio che sa di lacrime, è una guerra appena finita che ancora brucia dentro. E’ l’estate di un giorno remoto in bilico su un precipizio di sentimenti.

La scelta di mettere in scena di Tu mio parte da un ricordo. Da quella malinconia dolce che ti scivola addosso quando spalanchi una porta del passato. Il racconto di Erri De Luca ha funzionato da chiave. Le sue parole asciutte, ruvide, che non concedono mai nulla alla facile commozione, hanno forzato la serratura che custodiva memorie di un tempo lontano, eppure più vivido del presente. Con un testo così, o cedi allo sfogo scomposto del pianto, o provi a canalizzare quel torrente di emozioni in un viaggio lacerante al centro di un’età che continua a viverti dentro e che chiede prepotentemente di essere ascoltata, assolta e riconsegnata alla pace del rimpianto. Prendere in prestito la storia di altri per riconciliarsi con la propria: un esorcismo vecchio come il mondo, che anche questa volta sembra aver funzionato…

▼ Mostra Più Informazioni

Piazza San Domenico Maggiore,3, 80134
Naples
16 Marzo , Venerdì 21:00
Condividerla

Altri Eventi Nei Dintorni

 31 Dicembre , Lunedì
 Naples, Italy, Naples
 22 Dicembre , Sabato
 Liceo Gandhi Casoria, Casoria, Italy
 27 Dicembre , Giovedì
 Cimitile, Italy, Cimitile
 03 Gennaio , Giovedì
 Regno delle Due Sicilie, Naples
 25 Dicembre , Martedì
 New York City, Napoli, Italy
 16 Dicembre , Domenica
 Regione Campania, Naples
 24 Dicembre , Lunedì
 Marano di Napoli, Italy, Marano di Napoli
 20 Dicembre , Giovedì
 Secondigliano, Italy, Secondigliano
 12 Gennaio , Sabato
 Regno delle Due Sicilie, Naples
 01 Gennaio , Martedì
 Velodrome DALOA, Petit Daloa
 21 Dicembre , Venerdì
 Regno delle Due Sicilie, Naples
 12 Gennaio , Sabato
 Regno delle Due Sicilie, Naples
 21 Dicembre , Venerdì
 Regno delle Due Sicilie, Naples