Manifesto - Evento Speciale al PostModernissimo

Evento speciale in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci.

Aldo Iori, docente della cattedra di Storia dell’Arte presso ABA Perugia presenta:

MANIFESTO regia di Julian Rosefeldt con Cate Blanchett, Erika Bauer, Carl Dietrich, Marie Borkowski Foedrowitz, Ea-Ja Kim. Durata 94 minuti.



trailer: https://www.youtube.com/watch?v=DNRz79QcFKg

Il Manifesto del Partito Comunista raccontato da un homeless, i motti dadaisti recitati da una vedova a un funerale, il Dogma 95 descritto da una maestra ai suoi alunni e così via. 13 personaggi diversi: ogni personaggio uno scenario, ogni scenario un movimento celebrato attraverso intensi monologhi. A dare corpo a queste parole una sola attrice: Cate Blanchett calata in 12 personaggi diversi. Lo si potrebbe definire in molti modi Manifesto. Uno di questi potrebbe essere: documentario.
Definire ‘documentario’ questa opera di Julian Rosefeldt rischia di essere molto riduttivo.

Non perché il genere documentario sia una forma minore di espressione mediale (il successo che sta meritatamente riscontrando in questi anni ne costituisce una testimonianza inattaccabile). Il fatto è però che in questa occasione si va oltre le regole che definiscono il genere per offrire allo spettatore un’esperienza unica.

Non a caso, prima di arrivare sul grande schermo, è nato come installazione. L’esperienza è unica perché una sola attrice ha prestato se stessa per fare esistere esseri umani contestualizzati in ambiti totalmente differenti l’uno dall’altro. Cate Blanchett ci aveva già dato grande prova di trasformismo interpretando Bob Dylan in Io non sono qui ma in questa occasione supera se stessa considerando anche il tempo ristretto (12 giorni) delle riprese.
Ma non si tratta di puro e semplice virtuosismo attoriale (che di per sé sarebbe comunque già sufficiente per apprezzare il film) perché l’obiettivo è decisamente elevato. Rosefeldt rilegge un gran numero di ‘manifesti’ per saggiarne la consistenza e la presa (se ancora c’è) sul rapporto odierno tra società, arte e vita quotidiana. Andiamo così da Marx a Lars Von Trier passando per Marinetti, Kandinsky, Apollinaire, Fontana, Breton, Éluard e innumerevoli altri. Le loro parole, le loro ribellioni (giovanili e non) vengono fatte proprie da una punk tatuata oppure da una CEO a una festa privata ma proprio questa apparente astrazione le fa risuonare con maggiore evidenza interpellandoci.
Non è obbligatorio sapere tutto del Futurismo o del Situazionismo così come del Surrealismo o del Minimalismo. Anzi, stranamente, ci si accorgerà che meno se ne sa più quelle invettive o quelle definizioni che non lasciano spazio ad alternative acquisiranno una energia che si fa nuova proprio perché ignorata. Il confronto e la riflessione saranno inevitabili e produttivi.

Aldo Iori. Dopo gli studi universitari in architettura, restauro e storia dell’arte antica e contemporanea in Italia e all’estero, dal 1983 è docente di ruolo della cattedra di Storia dell’arte presso l’Accademia ‘Pietro Vannucci’ di Perugia per la quale è stato curatore di numerosissime iniziative artistiche e progetti europei. Negli ultimi anni è stato docente a contratto presso l’Università degli Studi di Perugia. interessato ai rapporti spaziali dell’opera e alle connessioni tra questa e il luogo, si è occupato dell’opera di artisti internazionali con testi scientifici sul loro lavoro e come curatore di mostre personali e collettive. Membro della commissione per le arti visive del Comune di Perugia nel 1998-99 (esposizioni J.Beuys, Nuvolo/Miniucchi e Cardinali/Dadamaino), ha collaborato con ‘Opera, Associazione per le arti visive’ di Perugia’ (Nuvolo, Perugia e Città di Castello, 1993), il Comune di Gubbio (XXIII Biennale -Forma Urbis 1996), la Galleria Nazionale dell’Umbria (artevita, 2006), il Centro per l’arte contemporanea ‘L.Pecci’ di Prato, il CAMeC di La Spezia, la Fondazione Puglisi Cosentino di Catania (Costanti del Classico e Burri/Fontana, 2009), la Fondazione Roma Musei (Nevelson, 2013), il MACRO di Roma (Nagasawa, 2013) il Museo Cantonale di Lugano (Borgnini, 2013) e con gallerie private tra cui la Galleria dello Scudo di Verona, la Galleria Giacomo Guidi di Roma e la Galleria Maria Grazia Del Prete di Roma. E’ redattore negli anni ottanta di “AEIUO” e attualmente di “Lettera Internazionale” e di “MOZART”. Attualmente collabora attivamente anche con la Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri di Città di Castello.
Tra i numerosi cataloghi e monografie si ricordano: Chiavacci Fotografo (2012), Diego Esposito (2009), Eugenio Giliberti (2008), Gianfranco Chiavacci (2007), Karpüseeler (2005) e Sauro Cardinali (2001) e i recenti saggi in Alberto Burri opera al nero (2012), Louise Nevelson (2013), Hidetoshi Nagasawa (2013), Vittorio Messina (2014).

▼ Mostra Più Informazioni

Via del Carmine, 4, 06122
Perugia
27 Febbraio , Martedì 21:30
Condividerla

Altri Eventi Nei Dintorni

 22 Giugno , Venerdì
 Perugia, Italy, Perugia
 29 Giugno , Venerdì
 Perugia, Italy, Perugia
 16 Luglio , Lunedì
 Umbria Jazz, Perugia
 01 Luglio , Domenica
 Castello di Castelleone (Deruta), Deruta
 01 Luglio , Domenica
 Castelleone (Deruta),
 29 Giugno , Venerdì
 Centro Panta Rei, Passignano sul Trasimeno
 17 Luglio , Martedì
 Umbria Jazz, Perugia
 01 Luglio , Domenica
 Isola Polvese, Lago Trasimeno, Castiglione del Lago
 16 Luglio , Lunedì
 Relais la Fattoria, Castel Rigone
 23 Giugno , Sabato
 IL Lavandeto di Assisi, Assisi
 07 Luglio , Sabato
 Assisi, Italy, Assisi
 13 Luglio , Venerdì
 Perugia, Italy, Perugia
 07 Luglio , Sabato
 Moto Club Deruta 2012 Città della Maiolica, Deruta
 08 Luglio , Domenica
 Casa Faustina, Assisi
 13 Luglio , Venerdì
 Cittadella Assisi, Assisi
 22 Giugno , Venerdì
 Assisi, Italy, Assisi
 05 Luglio , Giovedì
 B&B Antico Casale Umbro, Castel Rigone
 24 Giugno , Domenica
 Post Perugia, Perugia
 29 Giugno , Venerdì
 Assisi, Italy, Assisi
 15 Luglio , Domenica
 Le Torracce Agriturismo Olistico, Valfabbrica