Così lontane, così vicine. Modelli femminili del passato

Venerdì 24 novembre alle ore 18:00

Così lontane, così vicine
Modelli femminili in epoca tardoantica e bizantina

A partire da "Cinque sante bizantine. Storie di cortigiane, travestite, eremite, imperatrici" a cura di Laura Franco

Sarà presente la curatrice

Interviene Maria Grazia Crepaldi


Lìbrati

vi aspetta giovedì 24 novembre alle ore 18:00 per Così lontane, così vicine. Modelli femminili in epoca tardoantica e bizantina. La discussione muoverà dal libro "Cinque sante bizantine. Storie di cortigiane, travestite, eremite, imperatrici" (SE) a cura di Laura Franco.

Sarà presente Laura Franco, curatrice del volume. Interviene Maria Grazia Crepaldi.

Dalla quarta di copertina:

Nel Medioevo le Vite dei santi erano raccontate e continuamente rielaborate, arricchite ogni volta di dettagli nuovi e diversi, che diedero corpo a un gran numero di varianti della medesima storia. Alcune leggende agiografiche ebbero un’enorme diffusione, paragonabile a quella che oggi hanno i romanzi, o certe biografie romanzate. I cinque testi tradotti in questo volume sono molto diversi tra loro, sia per il registro linguistico sia perché appartengono a epoche differenti; li accomuna il fatto che le protagoniste sono donne e alcune di esse scelgono di travestirsi da monaco. Proprio in ragione di questa diversità possono offrire un quadro, naturalmente parziale, della santità femminile nel Medioevo greco e della varietà di tipologie che la caratterizza. Ecco allora Pelagia, prostituta convertita e poi redenta. Maria ed Eufrosine, entrambe orfane di madre, compiono la scelta di entrare in un monastero maschile travestendosi, l’una per non separarsi dal padre, l’altra per evitare il matrimonio. Teoctista, presa prigioniera dagli Arabi, riesce a sfuggire in modo rocambolesco ai suoi rapitori e diviene eremita su un’isola deserta. L’imperatrice Teodora, l’unico personaggio realmente esistito, si assicura la santità riabilitando il culto delle icone proibito dagli imperatori iconoclasti.

Laura Franco, bizantinista, consegue il dottorato alla University of London (Royal Holloway), collabora con l’Università di Cipro e insegna Paleografia greca presso l’Institute pf English Studies.

Maria Grazia Crepaldi, professoressa di Storia della filosofia tardoantica presso l’Università degli Studi di Padova. La sua attività di ricerca è volta ad approfondire il rapporto tra filosofia greca e pensiero giudaico-cristiano antico; in questo contesto, ha dedicato particolare attenzione alla recezione delle dottrine platoniche e aristoteliche nel giudaismo alessandrino e nella Patristica greca, e allo sviluppo del platonismo e dello stoicismo in età imperiale. Ha presentato relazioni sulle tematiche studiate in convegni svoltisi in Italia e in Francia. Nel corso degli anni la ricerca ha dato luogo alla pubblicazione di numerosi saggi concernenti la presenza della filosofia classica in Filone di Alessandria e nel pensiero cristiano antico di area greca, l’antropologia del platonismo pagano e cristiano di età imperiale, le modalità dell’inculturazione filosofica del messaggio cristiano.

▼ Mostra Più Informazioni

via San Gregorio Barbarigo, 91, 35141
Padua
24 Novembre , Venerdì 18:00
Condividerla

Altri Eventi Nei Dintorni

 04 Gennaio , Venerdì
 Gran Teatro GEOX, Padua
 07 Gennaio , Lunedì
 Frecciarossa Padova-Milano, Padua
 22 Dicembre , Sabato
 Cafè Zhivago - Mulino di Pontemanco, Carrara San Giorgio